venerdì 26 aprile 2013

Jump Around

Get up, pack it in, let me beginI came to win, battle me that's a sinI won't tear the sack up, punk you'd better back upTry and play the role and the whole crew will act up

Get up, stand up, come on, throw your hands upIf you've got the feelin' jump across the ceilin'Muggs is a funk fest, someone's talkin' junkYo, I'll bust 'em in the eye and then I'll take the punks home

Feel it, funk it, amps it are junkin'And I got more rhymes than there's cops that are dunkin'Donuts shop, sure 'nuff I got props from the kids on the HillPlus my mom and my popsI came to get down, I came to get downSo get out your seats and jump around

Jump around, jump up and get downJump around, jump aroundJump up and get downJump up, jump up and get down

Jump, jump, jumpJump, jump, jumpJump, jump, jumpJump, jump, jumpJump, jump, jumpJump, jump

I'll serve your ass like John McEnroeIf your girl steps up, I'm smackin' the hoeWord to your moms I came to drop bombsI got more rhymes than the Bible's got Psalms

And just like the Prodigal Son I've returnedAnyone steppin' to me you'll get burned'Cause I got lyrics and you ain't got noneSo if you come to battle bring a shotgun

But if you do you're a fool, 'cause I duel to the deathTry and step to me you'll take your last breathI gots the skill, come get your fill'Cause when I shoot ta give, I shoot to killI came to get down, I came to get downSo get out your seats and jump around

Jump around, jump up and get downJump around, jump aroundJump up and get downJump up, jump up and get downJump, jump

Listen to the sound that pounds, I jump aroundI'm no clown, I get downTo the funk, listen to the wig outAnd step to the rear, dear, 'cause I'm here

The P to the E to the T E rockin'The runs in your stockin'So hon, put the lock inChillin' with the House Of PainBlood stains the ground, huh, I jump around

I'm the cream of the crop, I rise to the topI never eat a pig 'cause a pig is a copOr better yet a Terminator, like Arnold SchwarzeneggerTry'n to play me out like as if my name was Sega

But I ain't going out like no punk bitchGet used to one style and you know I might switchIt up up and around, then buck, buck you downPut out your head then you wake up in the Dawn of the Dead

I'm comin' to get ya, comin' to get yaSpittin' out lyrics homie I'll wet yaI came to get down, I came to get downSo get out your seats and jump around

Jump around, jump up and get downJump around, jump aroundJump up and get downJump up, jump up and get down

Jump, jump, jumpJump, jump, jumpJump, jump, jump...


Mc MoldyCHum

domenica 21 aprile 2013

Adapter Works: Lures for Top


C'era un tempo in cui pescare a spinning significava lanciare un artificiale e recuperarlo in maniera lineare, più o meno velocemente dando al moto una parvenza di personalizzazione.. Ricordo che alcuni commercianti, i più fantasiosi, consigliavano ai novelli spinners che si cimentavano nella tecnica di recuperare la propria esca canticchiando una canzone in mente e rispettandone i tempi.. Consigliavano di cambiare brano di lancio in lancio per scoprire quale fosse il "tempo" migliore per un recupero perfetto.. 



Oggi penso a quei consigli ascoltati nei piccoli negozietti e non nego che dentro di me sorrido.. Sorrido pensando a quanto difficile potrebbe essere oggi per quei negozianti trovare il "tempo" o il "brano" adatto ad un long jerk, ad un jig minnow, ad un wtd.. 



Eravamo davvero differenti tanto tempo fa, tanto da accogliere con la peggiore diffidenza esche che oggi non possono mancare nelle nostre cassette.. Non riuscivamo a credere che una "saponetta" potesse rivelarsi la soluzione migliore per una leccia, non avremmo mai potuto immaginare che un artificiale senza paletta, senza moto proprio potesse risultare funzionante.. 



Sono trascorsi anni ed oggi la pesca in top water, la preferita dal nostro capitan Rusty, è senza dubbio diventata la più spettacolare e la più amata dagli spinner di un certo livello.. Nella pesca in top water i sensi interessati sono tanti, molti più di quanti non coinvolgano il lancio di un minnow.. 




La vista, la nostra a quella predatore.. La nostra che segue immancabilmente l'artificiale nel suo incedere e quella del predatore che spesso vediamo seguirlo arretrato di mezzo metro.. 


  
L'udito, vogliamo mettere il piacere di quel "pop" "splash" che i nostri popper emettono ad ogni tratto.. Ed anche là i nostri occhi fissi a controllare che gli schizzi siano ampi, che venga spostata tanta acqua.. 


Poi ci sono i wtd, splendidi, più o meno affondanti per pescare sul pelo dell'acqua o un paio di centimetri sotto, con quel loro sciacquettìo superficiale e quell'incedere ubriaco, largo o stretto a seconda del lavoro delle nostre mani.. Per un caso o forse no, gli artificiali da topwater sono anche quelli più costruiti, quelli in cui tutti gli autocostruttori hanno cominciato a cimentarsi..


Tra questi autocostruttori c'è anche Keisuke Kimura, proprietario del marchio Adapter Works.. Lo abbiamo tartassato di domande e ci ha risposto.. Non molto in verità a causa della barriera linguistica conto cui molto spesso ci troviamo a battere quando intervistiamo un costruttore nipponico.. 



Quello che siamo riusciti a comprendere è che la pesca in topwater è senza dubbio quella cui Kaisuke Kimura preferisce dedicare le proprie creazioni.. Nella vita odontotecnico nel resto del tempo bassman autocostruttore di esche in legno che lui definisce inestimabili.  


La passione per la costruzione ha prodotto in oltre 15 anni di attività, oltre 40 modelli, alcuni dalle linee un pò "heddoniche" altri meno ma tutti comunque destinati alla pesca di superficie. 


Per la realizzazione di ognuno dei suoi articoli, lavorati in ogni passaggio a mano, sono necessari circa 30 giorni di lavoro.. 


Questo produce un volume discretamente basso per anno, non più di 150 pezzi tra tutti i modelli visibili sul sito che ospita anche una sezione blog ed una shop..


Chi volesse provare ad acquistare una delle sue esche, che non sono mai state vendute al di fuori del Giappone, può provare a fare un salto sul sito Adapter Works contattare il costruttore via email all'indirizzo

adapterworks@gmail.com 

Grazie a Kaisuke Kimura per essersi lasciato stressare e per aver provato a risponderci...


Evilures, french woods on surface....

Nella Francia del Sud, nei pressi di Tolosa, capita spesso di vedere strani oggetti nuotare e annaspare a galla, legni intarsiati e strane figure si aggirano tra le acque interne di questa regione, oggetti non identificati ma che all'abile occhio allenato del feticista pescasportivo possono pure sembrare famigliari




Questa è la storia di uno di noi, uno malato per la pesca a galla, uno malato per la pesca con gli artificiali, un uomo infetto di Japan Mania. Si chiama Bastien Buccellato, ha trentasette primavere ed è il proprietario della Evilures, un marchio registrato che produce esche artigianali, handmade lures, custom lures o come preferite chiamare voi tutte quelle creazioni non prodotte in serie







 che a parer mio rappresentano la più grande espressione della pesca con gli artificiali come ben ci insegnano i pescatori a mosca, da sette anni il cugino d'oltralpe crea inganni che solcano la superficie dell'acqua, folgorato sulla via del Giappone inizia a costruire perché innamorato dello stile nipponico e non potendo acquistare direttamente dal Sol Levante inizia a costruirseli direttamente da solo, Bastien ama la pesca a galla ed è un appassionato del Topwater Game come molti pescatori giapponesi, l'attacco in superficie è la sua passione principale quindi non ha preferenze in fatto di prede, basta che a sappiano far esplodere l'acqua dietro le sue creazioni, anche se in questo il blackbass non ha sicuramente rivali 



Nella produzione del costruttore francese si possono trovare principalmente due tipologie, i più convenzionali crawler e una serie molto vasta di come ama chiamarli lui Blackbass Delirium, esche create totalmente dalla sua fantasia e dal suo ingegno, la produzione è molto limitata, non si va oltre i 50-60 artificiali prodotti  in un anno, alcuni vengono venduti direttamente nel suo negozio online anzi nella Evilures Boutique , ma la grande maggioranza rimane gelosamente custodita nelle sue tacklebox personali, oltre a produrre esche artificiali, possiamo trovare anche vari accessori per la pesca sportiva come dei manici custom per le canne da casting con inserti in pelle , scatole in legno per riporre esche e altri oggetti in perfetto Old Style





i legni utilizzati per le sue creazioni sono la samba e la tilia come molti altri costruttori freshwater e non, l'alta densità di questi legni e la facilità nel lavorarli li rendono sicuramente tra le essenze più comunemente usate in tutto il mondo dai lurebuilder 




l'intero processo di ideazione di ogni singolo nuovo artificiale  è complesso, è per rifinire ogni artificiale sono necessari dai sei mesi all'anno, una volta creato un nuovo modello Bastien riesce a creare l'artificiale in quattro ore in media, ma se la progettazione può avere tempi così lunghi credo sia dovuto a qualcosa che possa distrarre il nostro costruttore, qualcosa che l'intuito mi dice è presente nel suo laboratorio.....



Bastien pesca spesso dal bellyboat, questo gli permette di pescare sotto cover complicate sempre e comunque con le sue creazioni, le uniche concessioni che si fa in campo artificiali sono le produzioni artigianali made in Japan e le vecchie esche americane tipo Heddon, il diktat vuole che siano sempre e solamente prodotte in legno perché la plastica non è nelle sue "corde", la sua più strana cattura è stato l'attacco di un serpente su un suo piccolo crawler, un fatto che potrebbe far morire il vostro sottoscritto che per il mondo rettile sogna un olocausto dalla notte dei tempi, le colorazioni preferite sono quelle bicolore, ossia parti in legno naturale e parti verniciate in stile vintage ma ci dice che il blackbass conviene stimolarlo spesso con cambi di colore. Il costruttore che più a ispirato il nostro amico è Basskerville un artigiano giapponese che da oltre 15 anni costruisce meravigliose esche come la seguente 



Per vedere tutte le creazioni dell'amico Bastien


Merci Bastien :)


giovedì 18 aprile 2013

The New Little Mommotti

Si è da poco allargata la mommotti's Family con una new entry di cui si parlava da tempo e che ora fa ufficialmente parte del catalogo Seaspin 2013 , è infatti disponibile l'ultimo arrivato, un piccolo jerk minnow da 115mm con azione Slow-Sinking con un peso di 13 grammi e armato con gli ottimi single hook Gamu, l'azione di nuoto si aggira tra i 40 e i 100cm



destinato principalmente alla ricerca della spigola sembrerebbe non disdegnare morsi dagli altri predatori costieri, con un corpo stretto e una paletta generosa questo piccolo artificiale regge molto bene le forti correnti e riesce a stare in pesca anche a distanze ridotte, 12 le colorazioni disponibili tra cui il mio preferito, il Bronzo :)



per rimanere sempre informati sulle novità in casa Seaspin vi consiglio di seguire la pagina ufficiale 





This is Fly- April-May

Online l'ultimo numero di This is Fly, un magazine digitale di ottima fattura, ottime foto, ottime catture, niente da dire se non che rimango sempre affascinato da queste iniziative di così alta qualità, se poi penso che è pure freeee...



Sicuramente la più pop tra le riviste dedicate alla pesca a mosca con fantastici articoli su artisti inerenti al mondo della pesca e non 

domenica 14 aprile 2013

Once upon a time... A Inchiku...


Essere per mare, in navigazione o in waders o sulle rocce aspettando il passaggio dei predatori amanti della penombra, all'alba o al tramonto fa di noi pescatori una categoria particolarmente fortunata.. Trovarsi davanti ad alcune delle espressioni più mozzafiato della natura mentre si sta godendo del proprio hobby moltiplica il piacere e ci pone ad un livello di percezione e fruizione del mare del tutto differente rispetto a tutti coloro che lo vivono, come noi, in superficie.. 


Collezioniamo inconsapevolmente centinaia, migliaia di albe e tramonti ed ogni volta ci soffermiamo come in uno stato di sospensione emozionale quando ci troviamo in uno di questi momenti, un'apnea, e non c'è lancio o preda che possa rubarci quei secondi di meraviglia. Uscire all'alba o trovarsi addirittura già in mezzo al mare nel momento in cui il sole sorge dà immediatamente il senso di completezza, come se "va già bene così"..


Noi non siamo mai stati pescatori da preda e ad appagarci basta una scena di caccia a pochi metri dalla scogliera, un branco di lecce che seguono i nostri popper, un pescespada che salta a pochi metri da noi liberandosi dell'inchiku o un combattimento con una spigola che riesce ad aprire un ancorotto.. Questo ci basta e non è poco..Va detto che le catture come per tutti non ci dispiacciono anzi è esattamente il contrario ma non sono parte integrante della "nostra" giornata.. Nostra tra virgolette perchè è la nostra, siamo noi ed il nostro tempo.. Noi dopo una settimana di attesa (quando va bene), di studio, di acquisti ottimistici.. Noi con i nostri rituali, con le nostre battute ma soprattutto con il nostro elemento, il mare.. Cerchiamo sempre la foto da inserire nella nostra memoria e non sempre il pesce è incluso anzi non è mai il soggetto fondamentale. 


La giornata di ieri è trascorsa troppo velocemente forse, come tutte quelle in cui stiamo bene, il mare ci ha ancora una volta premiato entrambi confermandoci che a volte bisogna proprio crederci o non si ottiene nulla. In questo devo ammettere che Davide è uno tosto, uno che non molla mai e che punta sempre più in alto. Acqua in faccia sempre contro vento e freddo, cercando di allontanare il traguardo il più possibile per come nella pesca (ed in tutte le passioni) si deve fare.. 
Credo che la definizione giusta per lui sia "INARRESTABILE". 


Si deve spingere, sperimentare, provare ed a volte è davvero difficile restargli dietro soprattutto quando dopo una giornata di 12 ore in mezzo al mare lui si ferma per "un'ultima cala" con quel guizzo di intuizione, dopo aver letto sull'eco un meraviglioso fondale con uno strapiombo di 20 mt . "Ultima" come gli "ultimi 5 minuti" che ci diamo prima di alzarci dal letto per iniziare il giorno di lavoro.. Così, sul tramonto, sul filo della resistenza fisica e della praticabilità, un paio di ultime cale, un paio di inchiku nel blu, lui un autocostruito mentre io uno dei miei preferiti. A volte bisogna cullarli gli artificiali, a volte scuoterli come jig, a volte percepiamo la presenza dei predoni e li sentiamo farci beffe di noi. Ci sono volte in cui basta variare davvero poco per ottenere la loro attenzione e forse la scelta di colori in funzione della profondità e della ormai poca luce diffusa dall'inizio del tramonto..


Alla fine le ultime due grandi catture a far da sfondo ad un'altra giornata tanto splendida quanto sfiancante.. 
Come sempre ringraziamo il nostro mare che anche questa volta ci ha voluti premiare e giriamo la prua verso terra, un gelato e poi si ritorna nella vita "reale". 
Purtroppo non sono molto bravo a scrivere report che raccontino la pescata fine a se stessa, non amo scrivere del "cosa", del "come" e del "con che" ma mi piace raccontare il mio personalissimo modo di vivere la pesca in genere per cui non odiatemi se anche questa volta vi ho tediato.. 

Alla prossima..


martedì 9 aprile 2013

HandSome-ハンドサム Lures=Awesome Lures

Rieccoci qua di nuovo a parlare di legno modellato, nello specifico di un altro grandissimo costruttore made in Japan che come sempre presenta lavori di un altissimo livello qualitativo, una cura per i particolari maniacale e livree degne delle più famose carrozziere italiane, di nuovo sicuramente ma io personalmente continuo ad emozionarmi nel vedere certe opere d'arte. Oggi presentiamo Taizo Shimazaki San, un ragazzo di 47 anni proveniente dalla città di Nagoya sull'isola di Honshu, nel nord della baia di Ise,  uno dei desideri di Taiko San è avere successo grazie alle proprie mani per questo chiama il suo brand HandSome-ハンドサム 








che fonda già nel 1998, ma gli esordi nella costruzione si hanno  già all'età di 14 anni, il motivo che ha spinto questo artigiano a costruire da se le sue esche è simile a quello di tanti altri, l'emozione di ingannare un predatore grazie a qualcosa che si è immaginati. Venti i modelli creati per un migliaio di esche prodotte all'anno, vendute anche fuori dal paese natale in Svizzera e Germania, i prezzi si aggirano sui 7000-8500JPY per opera come credo sia giusto chiamare questi oggetti. 













Il legno usato per le sue creazioni è il Cipresso Giapponese o Hinoki ( Chamaecyparis Obtusa)  una specie nativa del sol levante molto pregiata, che essendo molto resistente all'acqua viene usata per costruire i pavimenti dei bagni, ma anche famosi edifici come lo splendido castello di Osaka sono costruiti con questo materiale, infatti questo legno viene utilizzato da sempre dalla popolazione Giapponese, anche i Masu che sono delle scatole nate per misurare il riso nel periodo feudale sono costruite con questa essenza. Ogni creazione del maestro Taiko necessità di due settimane di lavorazione per esser completato, ma questa oltre a essere una passione è la principale occupazione di questo costruttore giapponese, ogni esca viene testata singolarmente e quasi tutte le esche sono destinate alla pesca in topwater della  sua preda preferita ossia il BlackBass che rappresenta per molti costruttori l'unico modo valido per insidiarlo 









In definitiva gli artificiali prodotti da Taizo Shimazaki possono tranquillamente essere definiti tra i più belli mostrati in queste pagine, la cura dei particolari è incredibile e le colorazioni veramente fatte bene, così lucide da sembrare quasi ceramiche, tra le pagine del suo sito si può inoltre ammirare una serie molto limitata di tackle box in legno, giusto luogo dove riporre preziosi oggetti come questi 






Ringrazio di cuore Taizo San per la sua gentilezza e la sua disponibilità a farsi stressare dal sottoscritto