venerdì 15 marzo 2013

GPA Feat AndreaPellegrini

Fa sempre piacere poter parlare di Made in Italy, dopo le dosi massicce di prodotti made in Japan e Made in USA vedere qualcosa di prodotto, disegnato e concepito nel nostro paese ci fa solo che felici. Sono poi sono coinvolti personaggi di un certo calibro, il risultato è garantito.
GPA è il marchio del amico Gian Paolo Antoni, uno che tiene alto l'onore del nostro paese con le sue creazioni, che siano di legno o di metallo, il talento dell'artista di Migliarino ne plasma la forme, doma la materia ed è sempre innovativo, noi ne avevamo parlato tempo fa in questo articolo ma non nascondo che mi piacerebbe averlo come vicino di casa. Andrea Pellegrini è un pescatore conosciuto in Italia come all'estero, scrive per diverse riviste ed è  un domatore di squali oltre a detenere il  record all tackle sul Silvertip Shark con appena 186kg di animale, da poco ProStaff per l'americana Temple Reef 


Oltre a questo è un gran sostenitore della pesca sportiva al pesce palla o Fugu (scherzo ma la foto l'ha volevo aggiungere perché fenomenale) 


Questi due ragazzi dopo un anno di progettazione hanno dato vita a un progetto molto interessante, la produzione di attrezzature destinate ai grossi e cattivi, la prima idea scaturita tra l'unione spero non carnale di queste malefiche menti della pesca sportiva è la creazione di uno stick destinato alla pesca dei tonni nelle nostre acque, non un prodotto importato da altri mari e disegnato da altri pescatori, ma un'esca nata e concepita per le nostre prede e le nostre acque 


Questo artificiale che per ora ha specifica tecniche a me misteriose, sarà tra poco disponibile sul mercato, oltre a questo i due hanno progettato un due cinture da combattimento estremo la Monster GT e a Monster BFT, realizzate in anticorodal trattate con uno speciale bagno anodico, quindi inattaccabili dagli agenti marini, inoltre a breve saranno disponibili le   versione FULL CARBON interamente costruite in fibra di carbonio.


Studiate per essere leggere e resistenti e permettere di scaricare al meglio la pressione esercitata su braccia e schiena, il tutto con un design che avvicina le creazioni GPA al top delle produzioni nipponiche, se Iron Man andasse a jiggare sui tonni o a lanciare sui GT sicuramente avrebbe una cintura come questa, di questo ne sono certo! 


Le cinture GPA hanno una struttura spessa 3mm di alluminio aereospaziale con anodizzazione marina. la gomma che ne riviste l'interno è a celle chiuse, prodotta con materiale a bassa densità, resistente all'abrasione ed impermeabile, la parte dove viene inserita la canna o   butt cup è ottenuto da un  solido di alluminio Anticorodal, unica pecca non spara raggi laser ma credo si possa chiedere una modifica. Scherzi a parte siamo ti fronte a un grandissimo prodotto concepito da pescatori per pescatori e con molto orgoglio tutto al centoxcento Made iN Italy anzi fatto in Italia. Complimenti a questo terribile duo, ho paura di vedere cosa nascerà in futuro da questa collaborazione Monster :)



Nessun commento:

Posta un commento